gianCarlo Onorato premiato nella sezione Le Nuvole del Premio nazionale “Giuseppe Giacosa – Parole per la musica”

Premio nazionale “Giuseppe Giacosa – Parole per la musica”

 

Per l’edizione 2012 il Premio verrà consegnato a Vittorio Nocenzi e Francesco Di Giacomo del Banco del Mutuo Soccorso e per la sezione Le Nuvole  a gianCarlo Onorato.

 

La cerimonia di consegna avverrà a Colleretto Giacosa, nei pressi di Ivrea,  domenica 9 settembre alle ore 17 nel Parco “Guido Rossa”.

 

Introdurranno la cerimonia Paola Gamba, sindaco di Colleretto Giacosa e Giacomo Bottino, ideatore del Premio e direttore artistico de la terza isola.

Condurrà il dialogo con i premiati Franco Vassia, critico musicale e scrittore.

L’ingresso alla cerimonia di premiazione è libero.

 

_____________

 

 

In caso di maltempo la manifestazione si svolgerà al Bioindustry Park “Silvano Fumero”  Via Ribes, 5 – Colleretto Giacosa

 

Che cos’è il Premio Giacosa

Il Premio Giacosa, nato nel 2004, è un premio nazionale assegnato ogni anno ad artisti che in ambiti diversi – dalla canzone al musical all’opera, ma anche nella poesia – liberano la loro ispirazione in quell’affascinante territorio in cui si incontrano parola e musica, cioè il canto.

Il Premio è organizzato dall’associazione culturale la terza isola, nell’ambito del progetto Parco Culturale del Canavese, ed è sostenuto istituzionalmente dal Comune di Colleretto Giacosa, dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino, dalla Provincia di Torino e dalla Regione Piemonte.

La cerimonia si tiene a settembre ed è un’occasione per celebrare la memoria di Giuseppe Giacosa (1847-1906), l’ultimo nostro grande librettista (La Bohème, Tosca e Madama Butterfly per Giacomo Puccini). Egli è stato il punto culminante della grande vicenda storica – originariamente italiana e poi europea e mondiale – del melodramma e dell’opera lirica, nonché il drammaturgo di maggiore celebrità e influenza in Italia prima di Pirandello (Una partita a scacchi, Tristi amori, Come le foglie).

 

Il Premio è stato assegnato a:

 

2004 Luciano Ligabue2005 Francesco Guccini2006 Giulio Rapetti in arte Mogol

2007 Gino Paoli

2008 Massimo Ranieri (sezione Grandi Interpreti)

2009 Roberto Vecchioni

2010 Club Tenco e Cristiano De André (sezione Grandi Interpreti)

2011 New Trolls  e Pippo Pollina (sezione Le Nuvole)

 

Sezione Le Nuvole

Dopo aver introdotto nel 2008, accanto al Premio principale, la sezione Grandi Interpreti, dall’edizione 2011 si è pensato di varare una nuova sezione singolarmente denominata Le Nuvole, con l’obiettivo di segnalare e valorizzare nuovi autori di parole per la musica.

La denominazione deriva da una novella di Giacosa, intitolata, per l’appunto, Le nuvole,  un testo dalla scrittura sospesa e rarefatta; una dichiarazione d’amore, misteriosa  e appassionata, per la natura e la montagna: “Le nuvole sono mie vicine di casa. Qualche volta… salgo io a trovarle, qualche volta scendono esse a rendermi la visita… Posso parlare in coscienza di esse: ci sono stato tante volte!… Le ho lasciate venire a me… fissandole inconsapevolmente ed aiutandomi esse ad internarmi nei miei pensieri. Così la mente va lontano, lontano e vede cose non pensate dai savi e non registrate nei libri…”.  

In questo senso, trovare, scoprire talenti più appartati o meno appariscenti o della generazione più giovane, rappresenta un’apertura non solo metaforica a chi, come le nuvole, è sospinto da venti sempre nuovi, si fa portatore di slancio vitale ed energia rigenerante e induce a immaginare paesaggi lontani e prospettive ancora inesplorate.

 

Giancarlo Onorato è considerato uno dei nomi più significativi della scena italiana, quattro  dischi come solista: “Il velluto interiore” (1996),“Io sono l’angelo” (1998),  “Falene” (2004), e “sangue bianco” (2010). Diviso tra canzone, narrativa e pittura, affidando ad una personalità ieratica e ricca di carisma il proprio talento, ha guadagnato un posto di riguardo nel panorama della musica italiana degli ultimi anni.

Fascino, intensità, coerenza e riservatezza del suo operato nei diversi campi creano nei suoi confronti un interesse speciale. Definito “l’unico vero artista a tutto tondo del panorama italiano” per lui sono stati scomodati senza esitazioni paragoni altisonanti, ma di certo il tocco inconfondibile delle sue creazioni, marcato da un denso sensualismo e una dimensione lirica di rara intensità lo hanno distinto in un percorso creativo unico ed originale.

Autodidatta, antiaccademico, compositore di canzoni e scrittore, produttore artistico e autore di immagini. L’album “Io sono l’angelo”, è stato salutato dalla critica unanime come uno dei migliori dischi degli ultimi anni in Italia, mentre il terzo e più recente “Falene”, da più parti definito il miglior disco italiano degli ultimi tempi, va ritagliandogli un ruolo di rilievo nella scena non solo musicale.

Per tacere dei trascorsi come autore e leader di Underground Life, una delle formazioni seminali del rock d’autore, ha inoltre prodotto dischi di rilievo, tra i quali “Come fiori in mare” (2001,) tributo a Luigi Tenco, (ospiti Ivano Fossati, Stefano Benni e molti altri), Targa MEI 2001 come Progetto Discografico dell’Anno. E’ riconosciuto anche come letterato fine e trasgressivo: dopo la fama sotterranea ottenuta a vent’anni col primo e tuttora inedito “Giorno Automatico”, l’esordio col romanzo “Filosofia dell’Aria” (1988); nel 1993 il racconto “L’Officina dei Gemiti”  ne consolida la fama di scrittore di forte intensità lirica; i racconti “L’ubbidiente giovinezza – racconti di luce” (1999) presentati sottoforma di letture-concerto nella cornice visionaria della Mostra dei suoi dipinti, ne hanno rivelato l’aspetto più seducente e poetico.

In “Devi chiamarmi sempre” di Anna Lamberti Bocconi (2006), con introduzione di Ivano Fossati, nel Cd allegato al volume, Onorato interpreta e musica il Poemetto “Ad Amelia Rosselli”. In “Il mio posto nel mondo” di De Angelis/Deregibus/Secondiano Sacchi (2007) è presente col minisaggio “Tenco e Boris Vian, un frastuono gentile”. In “IndYpendenti d’Italia” di De Angelis/Guglielmi/Sangiorgi (2007) col saggio “Elegie del niente”.

Il 30 Marzo 2007 è uscito il romanzo “Il più dolce delitto”, per Sironi Editore. Un testo trasgressivo e sensuale che lancia una visione straniante del mondo, con gli occhi e i sensi di uno psichiatra che elegge la propria malattia a strumento per scardinare gli ordini precostituiti di una medicina e di una società svuotate di senso. Accompagnato da un nucleo di musicisti eclettici, Onorato attraverso un video/reading/concerto ha presentato il romanzo in tutta Italia, con rimandi al nuovo disco attualmente in lavorazione.

L’universo mistico e sensuale di Onorato si insinua nella scena attuale recando l’oscurità di un volo di falena, col tocco leggero e segreto che canta in poesia la malinconia e la ferocia del nostro tempo. gianCarlo Onorato è inoltre Direttore Artistico del Festival “Poiesis” di Monza e Provincia dedicato all’incrocio tra diverse arti e del Premio Musica d’Autore “Paolo Pavanello” di Trento.

 

a terza isola: chi è costei?

Associazione e impresa culturale specializzata nella progettazione, produzione e gestione di stagioni e spettacoli teatrali, la terza isola cura la programmazione artistica dell’Officina H Olivetti di Ivrea, del Teatro Nuovo di Rivarolo Canavese e del Centro Canavese Incontra di Strambino.

Tra i suoi progetti “di punta”, il Parco Culturale del Canavese, un itinerario che fa rivivere i luoghi di eccellenza del territorio, trasformando i valori della storia e della tradizione in prodotti di qualità.

Tra i suoi obiettivi centrati: per RadioUno RaiUna gioia che uccide…”- tre racconti sulla perfidia con Fiorenza Brogi, adattamento e regia di Giacomo Bottino; per Rai 2in un volto che ci somiglia…”viaggio nella Costituzione, scritto da Giacomo Bottino e Daniele Salvo, con Monica Guerritore e Umberto Orsini, diretto da Daniele Salvo, in occasione del Sessantesimo anniversario della Costituzione della Repubblica italiana – Premio Persefone 2008 per il migliore spettacolo di teatro televisivo dell’anno. Tra le più recenti produzioni, Senso, versione in forma di lettura scenica della novella di Camillo Boito, interpretata da Monica Guerritore con l’accompagnamento al pianoforte di Antonio Ballista: spettacolo attualmente in tournée.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: